DOCUMENTO - La ricostruzione delle fortificazioni di Lipari dopo la ruina del Barbarossa

L’arcipelago delle Eolie rappresentato dal musulmano Piri Reis nella prima metà del Cinquecento.

 

 

La costruzione delle fortificazioni della città di Lipari (settembre 1549 – giugno 1550) e del castello “novo” di Reggio di Andrea PESAVENTO   (cliccare su questo titolo per aprire il file)

 

Nel 1544 il capitano Ariodeno Barbarossa con una forte flotta, assedia e mette a ferro e fuoco la città di Cariati, facendo numerosi schiavi tra i quali anche il vescovo Giovanni Carmuto, o Canuto, che morirà in schiavitù[i] e nel luglio dello stesso anno 1544 anche la città di Lipari fu messa a ferro e fuoco.

L’anno precedente 1543 c’era stata la devastazione di Reggio. Nel maggio del 1545, continuando il pericolo, il viceré Don Pedro de Toledo dava ordine al barone Gian Giacomo dela Caya, commissario generale delle regie fabbriche di vedere e provvedere alle fortificazioni, che si dovevano fare nei luoghi costieri ed a dare inizio alla fortificazione di Reggio.

 

 

 

Theme by Danetsoft and Danang Probo Sayekti inspired by Maksimer